I Condroprotettori per il Bulldog Inglese
Elementi essenziali per un corretto sviluppo scheletrico dei nostri cani, i condroprotettori risultano oggi ancora poco conosciuti a tutti coloro che si avvicinano al mondo del bulldog inglese per la prima volta. In questo breve articolo tenteremo quindi di spiegare la loro indispensabile funzione, le loro principali componenti ed indicheremo quali sono quelli maggiormente reperibili in commercio.
Lo sviluppo scheletrico del bulldog inglese ha una particolare caratteristica: nei primi mesi di vita del cane si può infatti assistere ad una crescita scheletrico/articolare davvero eccezionale e soprattutto sproporzionata in relazione alla loro età. Questo sviluppo repentino delle ossa è causa di un elevato carico ponderale sulle articolazioni dei nostri cani che spesso possono così manifestare sintomi quali dolori e zoppie ricorrenti durante il primo anno di vita. E’ in questo quadro clinico che giocano un ruolo fondamentale i condroprotettori veterinari i quali "non sono altro che integratori alimentari che favoriscono la prevenzione dei danni alle cartilagini ed alle articolazioni dei nostri bulldog fornendo all’organismo gli elementi necessari per la loro manutenzione e riparazione".
I principali condroprotettori in commercio si dividono in due categorie: quelli a derivazione cartilaginea (tra cui i troviamo il condroitinsolfato e la glucosamina) e quelli a derivazione marina (il chitosan, l’estratto di Perna canaliculus e la cartilagine di squalo).

Condroprotettori a derivazione cartilaginea
- Il condroitinsolfato è una sostanza naturale che è naturalmente presente nella cartilagine; essa ha il compito di “lubrificare le articolazioni” ostacolandone efficacemente il processo di degenerazione.
- La glucosamina è un composto naturale che l’organismo ricava dal glucosio (è presente nelle articolazioni, nei tendini, nei muscoli, nel liquido sinoviale…) e la sua funzione principale è quella di velocizzare il miglioramento dei sintomi quali dolore ed infiammazione.

Condroprotettori a derivazione marina
- Il chitosan è un preparato naturale estratto dalla corazza dei crostacei marini (in particolare granchi e gamberi); ogni molecola di chitosano contiene circa 5000 unità di glucosamina.
- Perna canaliculus è un mollusco della Nuova Zelanda, il suo estratto possiede grandi proprietà antinfiammatorie e fornisce quei nutrienti (glicosaminoglicani, aminoacidi, acidi essenziali, minerali, ecc...) in grado di migliorare e prevenire le alterazioni delle cartilagini
- La cartilagine di squalo è un antinfiammatorio naturale utile come coadiuvante per limitare dolore ed infiammazione in tutte le patologie delle articolazioni, delle ossa e dei legamenti.

Questi principi attivi sono disponibili in commercio con diverse composizioni e diverso utilizzo dei vari componenti nutrizionali, spesso in associazione ad altre molecole tra cui soprattutto vitamine e sali minerali. Possono essere utilizzati come monoterapia oppure associati, nel caso di evidente zoppia e SOLO DOPO UN CONSULTO VETERINARIO e visite ed esami del caso, a veri e propri antinfiammatori.
I condroprotettori più conosciuti e diffusi in commersio sono:

-VMP e VMP articolare
-GAG Plus
-COSEQUIN
-CONDROGEN
(da non confondere con CONDROSTRESS utilizzato per le articolazioni di cani più anziani)

Così come ogni medicinale anche questi integratori hanno una posologia ed un tempo di utilizzo che varia in base alle indicazione della casa produttrice. Solitamente infatti viene indicato di somministrare questi prodotti per 4/6 settimane con intervalli di uno o 2 mesi.
Nel caso del bulldog inglese, le sue caratteristiche eccezionali ed uniche tipiche della razza impongono una attenzione maggiore alle articolazioni; per questo si consiglia di somministrare dei condroprotettori CONTINUATIVAMENTE e PER TUTTO IL PRIMO ANNO DI ETA’ del cane ovvero si può alternare marche diverse di questi integratori (quindi principi attivi diversi) ogni 1/2 mesi di trattamento.

Leggi anche:

cistiinterdigitali

Monorchidismo/Criptorchidismo

demodettica

Calore e falso calore

pododermatite

Piometra

alpeciaciclica

Otoematoma